FAQ Sanificazione

Quali sono i parametri fisico-chimici dell'acqua da tenere sotto controllo?
Tra i più importanti vi sono:
  • Colore, odore, sapore e temperatura
  • pH
  • Durezza totale
  • Contenuto di nitrati e nitriti
  • Contenuto di cloruri
  • Contenuto di solfati
Quali sono i parametri microbiologici dell'acqua da tenere sotto controllo?
Tra i più importanti vi sono:
  • Coliformi totali
  • Coliformi fecali
  • Durezza totale
  • Streptococchi fecali
  • Salmonella
  • Legionella
Quali sono i valori normali per il pH dell'acqua?
Secondo il D.Lgs. n. 31 del 2001, il pH dell'acqua potabile deve essere compreso tra 6,5 e 9,5 calcolato su una scala che varia da 0 a 14. Più il numero del pH è basso e più è acido, al contrario,più alto è il numero maggiore sarà il pH basico.
Qual è la durezza ottimale di un'acqua potabile?
La durezza di un'acqua si misura in gradi francesi (°f) dove 1 °f corrisponde a 10 mg/L CaCO3(carbonato di calcio). Il D.Lgs. n. 31 del 2001 definisce ottimale un'acqua con durezza compresa tra 15 e 50 °f.
Come si combatte la Legionella?
Legionella è un batterio aerobio al cui genere appartengono 52 specie; tra queste, la pneumophila risulta essere la più pericolosa in riferimento alla patologia umana.

I metodi più utilizzati per combattere la Legionella sono:
  • Disinfezione termica (shock termico), la Legionella muore:
    PRO: a 60° in poco più di mezz'ora / a 66° in due minuti / a 70° la morte è istantanea.
    CONTRO: L'acqua a queste temperature deve raggiungere tutto l'impianto, anche le zone più periferiche / Non elimina il biofilm, habitat naturale e nutrimento della Legionella, che può ricostituirsi nel giro di alcune settimane.
  • Aggiunta di cloro in concentrazione elevata >3 mg/l:
    PRO: Potente agente ossidante che agisce anche sul biofilm
    CONTRO: Per evitare il superamento dei limiti di legge relativi alla potabilità dell'acqua 0,2 mg/l e per evitare problemi di corrosione di alcuni tipi di tubature si deve provvedere a lavaggi dell'intero impianto.
  • Biossido di cloro 0,4 mg/l:
    PRO: Garantisce un buon livello di disinfezione
    CONTRO: Servono particolari attrezzature a bordo impianto
  • Lampade a raggi ultravioletti:
    PRO: Efficace
    CONTRO: Non ha efficacia sul biofilm / Efficace solo se utilizzato in prossimità dei punti di utilizzo / Costo elevato delle lampade / Limitato flusso d'acqua trattabile.
  • Azione combinata ioni di rame e argento generati tramite elettrolisi:
    PRO: Il rame è efficace sul biofilm
    CONTRO: La concentrazione di ioni deve essere opportunamente controllata per non superare i limiti ammessi per la potabilità dell'acqua e per garantire la disinfezione / In caso di impianti con tubi zincati il metodo non è applicabile perché lo zinco inattiva gli ioni d'argento.
  • Ozono:
    PRO: Agisce anche sugli altri batteri oltre alla Legionella / Meno pericoloso per la potabilità dell'acqua rispetto al cloro.
    CONTRO: Poiché l'ozono nelle soluzioni acquose ha durata molto breve, in quanto si decompone velocemente (meno di un'ora), è meno adatto alla disinfezione residua e può essere usato soltanto in casi particolari (soprattutto in piccoli sistemi di distribuzione). Particolare attenzione va mostrata nei confronti di eventuali presenze di bromuro nell'acqua; infatti la reazione tra il bromuro e l'ozono origina lo ione bromato, ritenuto cancerogeno (Il valore del parametro riportato nel D.lgs 2 febbraio 2001, n. 31 è pari a 10 µg/L). Inoltre l'ozono deve essere prodotto in loco mediante impianti di produzione che hanno ancora costi d'installazione molto elevati.

Fonti:
- Kit per l'analisi chimico-fisica dell'acqua domestica (Università degli studi di Milano - Bicocca)
- Documento linee-guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi (Conferenza permanente per ni rapporti tra Stato e Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano)