Faq impianti acqua e gas

E' obbligatorio il foro di aerazione in cucina?
La norma di riferimento è la UNI7129/08 la quale definisce:
  • Ventilazione: afflusso di aria necessaria alla combustione.
  • Aerazione: ricambio dell'aria necessaria sia per lo smaltimento dei prodotti della combustione, sia per evitare miscele con tenore pericoloso di gas combusti.

La norma UNI7129/08 stabilisce che la ventilazione di un locale dove è installato un apparecchio a gas tipo apparecchio di cottura, caldaia a camera aperta, stufa a camera aperta è sempre obbligatoria. Tale ventilazione può essere realizzata in diversi modi:
  • Apertura permanente verso l'esterno (foro basso nella muratura esterna o nell'infisso).
  • Condotti singoli con determinate caratteristiche.
  • Ventilazione attraverso altri locali con determinate caratteristiche.
E' obbligatoria la cappa aspirante in cucina?
La norma UNI7129/08 stabilisce che l'aerazione di un locale con apparecchio di cottura a gas è sempre obbligatoria, tramite diversi sistemi:
  • Cappa a tiraggio naturale collegata ad un condotto sfociante verso l'esterno.
  • Cappa aspirante elettrica collegata ad un condotto sfociante verso l'esterno.
  • Elettroventilatore nella parte alta della parete/infisso.
  • Apertura diretta verso l'esterno (alta per il gas metano e bassa filo pavimento per il GPL).

In Regione Lombardia, nei comuni che l'hanno recepita, vige la Circolare 8 del al punto 3.4.26 che obbliga la presenza di una canna fumaria dei vapori di cottura singola sfociante oltre il tetto.
Quando e cosa devo controllare del tubo di collegamento gas del piano cottura?
Il tubo di collegamento se del tipo flessibile deve avere stampato la norma di riferimento e la data di scadenza, oltre la quale deve essere sostituito da tecnico abilitato con rilascio della dichiarazione di conformità 37/08. Occorre verificare che il tubo installato non abbia data posteriore a quella indicata sulla tubazione flessibile. Se il collegamento dell'apparecchio di cottura è realizzato con tubazione metallica rigida non ha scadenza.
La norma UNI7129/08 stabilisce gli apparecchi di cottura non ad incasso possono essere collegati con tubi flessibili non metallici di cui alla UNI7140 e UNI EN 1762, con lunghezza massima di 1500 mm.
A cosa serve un addolcitore?
L'addolcitore è uno strumento che serve a diminuire la durezza nell'acqua per prevenire fenomeni di incrostazioni di calcare sulle superfici. La durezza dell'acqua rappresenta la concentrazione di sali di calcio e di magnesio, che in determinate condizioni di temperatura precipitano formando le incrostazioni di calcare.
A cosa serve un'autoclave?
Serve ad aumentare la pressione nell'impianto idrico quando le prestazioni dell'acquedotto sono insufficienti. Normalmente una pressione di 2 bar al rubinetto è sufficiente per avere una buona portata.